Tourism Summit: a Rimini il 31 marzo Destination Lab racconta le regole della local experience

Il concetto di destinazione turistica attraversa una fase di profonda evoluzione in tutte le aree del mondo. I più recenti studi sul settore forniscono indicazioni e linee guida su quello che il turista cerca nella scelta della destinazione. Emerge con chiarezza l’importanza della local experience. Ovvero, non solo conoscere, ma vivere il territorio. Alla luce di questa priorità nel modo di fare turismo oggi, occorre ridefinire il concetto di destinazione valorizzando al massimo tutti gli aspetti emozionali legati alla fruibilità del territorio e al contatto diretto con gli aspetti peculiari che fanno riferimento al genius loci, inteso come contesto storico, culturale, paesaggistico, enogastronomico.

La quarta edizione di Destination Lab – Giornata di studio sul futuro delle destinazioni turistiche – si svolgerà al Palacongressi di Rimini il 31 marzo 2022 dalle 9 alle 18 nell’ambito del Tourism Summit, che raccoglierà la partecipazione di 2 mila operatori. L’evento è organizzato dalla Teamwork Hospitality di Rimini, che da oltre venti anni offre consulenza e formazione ai professionisti del settore.

A Destination Lab sarà possibile ascoltare esperti di destination management e testimonianze dirette di operatori, che racconteranno i loro casi di successo. Sono 36 gli speaker coinvolti, tra cui Luca Mercalli, presidente Società meteorologica Italiana, giornalista scientifico Rai e Il Fatto Quotidiano, Valentina Boschetto Doorly, tourism futurist, Joan Crawford di Failte Ireland, l’Autorità nazionale per lo sviluppo del turismo in Irlanda, Maria Elena Rossi, direttore marketing e promozione di Enit, Josep Ejarque, presidente di FTourism & Marketing, Antonio Pezzano, esperto in tourism destination management, Massimo Tocchetti, Presidente di Aigo, Giovanna Sainaghi, direttrice dell’Ente del turismo delle Fiandre, Fabio Viola, videogame designer & producer, Stefano Ravelli, direttore dell’Azienda per il turismo Valsugana, Fabio Sacco, destination manager all’Azienda per il turismo Val di Sole, Luca D’Angelo, destination manager all’Azienda per Il turismo Dolomiti Paganella, Carlotta Ferrari, direttrice di Destination Florence Convention & Visitors Bureau, Valentina Morelli, responsabile promozione e attrattività della città di Milano a Yes Milano, Silvio Rigatti, presidente dell’Azienda per il turismo Garda Dolomiti, Oskar Schwazer, direttore dell’Azienda per il turismo Garda Dolomiti

Destination Lab offrirà ai partecipanti una preziosa occasione di confronto riflessione e approfondimento sul tema della promozione del territorio e sugli scenari che si aprono alle destinazioni del futuro. Tra gli argomenti che verranno trattati, segnaliamo in particolare
la sostenibilità: improrogabile scelta del destination management italiano; il marketing territoriale d’avanguardia: esempi illuminanti dall’Europa; il ritorno alla terra: inizia l’era dei turismi verticali; le nuove fruizioni dell’esperienza turistica: tecnologie al nostro servizio e omnichannel: realtà aumentata, gamification, avatar…

Accanto alle due sale formative, l’area matching sarà uno spazio dedicato all’incontro con aziende partner per uno scambio stimolante di opinioni e di spunti di riflessione. Il Destination Lab è uno dei quattro eventi del Tourism Summit insieme alla Tourism Data Conference, dedicata all’utilizzo e alla interpretazione dei dati nel settore turistico; a Improve, evento riservato alle vendite in hotel; e al Tourism Talent Day, il primo evento in Italia dedicato alla valorizzazione del capitale umano turistico. L’iscrizione a tutti gli eventi del Tourism Summit è gratuita.

We would like to say thanks to the author of this post for this outstanding web content

Tourism Summit: a Rimini il 31 marzo Destination Lab racconta le regole della local experience

Travors